Possono i cannabinoidi dare un beneficio nel diabete?

Il diabete è definito come “una malattia in cui la capacità del corpo di produrre o rispondere all’insulina ormonale è compromessa, con conseguente metabolismo anormale dei carboidrati e aumento dei livelli di glucosio nel sangue e nelle urine.” Il diabete è una malattia dilagante.
Il tipo 1 è una condizione cronica in cui il pancreas produce troppo poca o nessuna insulina. La stragrande maggioranza sono diabetici di tipo 2. Il tipo 2 è anch’essa una condizione cronica che influisce sul modo in cui il corpo elabora il glucosio (glicemia). Le persone con diabete sono a rischio più elevato per condizioni come malattie cardiache, cecità, amputazioni e insufficienza renale.
Ci sono differenze nel tipo di prodotti a base di cannabinoidi disponibili. La maggior parte delle persone ha familiarità con il THC (tetraidrocannabinolo), che ha una serie di benefici medici, ma alcune persone si preoccupano per i suoi effetti psicoattivi. Il CBD (cannabidiolo) è un composto isolato che funziona con il sistema endocannabinoide, senza nessuno dei potenziali effetti collaterali del THC. C’è un altro cannabinoide, che è un composto attivo trovato nella pianta di cannabis, che attira l’attenzione.
La Tetraidrocannabivarina (THCV) è un cannabinoide che promuove effetti energizzanti. Il THCV è attualmente in fase di studio per la sua capacità di gestire il diabete. Ecco cosa sta osservando la ricerca fino ad ora: uno studio (https://www.midwestcompassion.org/…/cannabis-usage-shown-t…/) condotto dalla Harvard Medical School e dal Beth Deaconess Medical Center ha scoperto che i maschi che hanno riferito di aver usato marijuana nell’ultimo mese avevano un’insulina a digiuno più bassa, meno insulino-resistenza, e una livelli di colesterolo più bassi. Altri studi hanno monitorato specificamente il THCV, ed hanno visto la correlazione che questo cannabinoide ha a raggiungere effetti simili da solo o con altri trattamenti.
Un’altra scoperta interessante sul THCV è che funziona come soppressore dell’appetito. Il THCV lavora per bloccare le sensazioni di ricompensa nel consumo di cibi malsani, che è fondamentale per mantenere un peso sano. L’obesità è un fattore associato al diabete, quindi questo potrebbe aiutare a mangiare di meno e a fare scelte alimentari migliori.
Cannabidiolo (CBD): un altro vantaggio aggiunto
Il CBD è un cannabinoide molto più familiare già riconosciuto per una miriade di benefici per la salute e ora sta guadagnando interesse nella gestione del diabete. Il CBD sta dimostrando la stabilizzazione della glicemia, riducendo l’infiammazione dei nervi e il dolore della neuropatia e abbassando la pressione sanguigna. Inoltre, aiuta con altre condizioni associate al diabete. Il CBD può aiutare a trattare la sindrome delle gambe senza riposo e migliora la circolazione mantenendo aperti i vasi sanguigni.
Sebbene il CBD sia molto efficace in molti modi da solo, è importante considerare che i prodotti che combinano più cannabinoidi possono portare più benefici. Questo sarebbe un esempio di come i prodotti vegetali interi apportino sollievo e guarigione a un individuo.
Ricordiamo sempre che la cannabis terapeutica è un farmaco che va assunto sotto stretto controllo medico e di rivolgersi sempre a personale esperto.

CONDIVIDI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su