Il CBD può ridurre ANSIA e DEPRESSIONE

Alcune ricerche suggeriscono che il cannabidiolo, CBD, può ridurre sensibilmente i sintomi della ANSIA e DEPRESSIONE .
Gli antidepressivi commerciali richiedono in genere da due a quattro settimane per avere un effetto significativo su un paziente depresso. Sono anche inefficaci in circa il 40% dei casi. Trovare nuovi farmaci per la depressione ad azione rapida e che abbiano avere effetti più duraturi è stato l’obiettivo della ricerca condotta da scienziati brasiliani nello stato di San Paolo in collaborazione con colleghi danesi.
Il loro studio ha rilevato che una singola dose di cannabidiolo nei ratti con sintomi di depressione era altamente efficace, eliminando i sintomi lo stesso giorno e mantenendo gli effetti benefici per una settimana.
I risultati rafforzano quelli della ricerca precedente che dimostrano che il cannabidiolo, un componente della Cannabis sativa, la pianta più comunemente usata per produrre marijuana, ha promettenti potenzialità terapeutiche nel trattamento della depressione ad ampio spettro nei modelli preclinici e umani.
I risultati sono stati pubblicati in un articolo sulla rivista Molecular Neurobiology dai ricercatori del gruppo guidato da Sâmia Regiane Lourenço Joca, professore dell’Università del Brasile di Ribeirão Preto School of Pharmaceutical Sciences (FCFRP-USP) in Brasile.

Il primo autore è Amanda Juliana Sales, che ha una borsa di studio di dottorato dalla Fondazione di ricerca di San Paolo – FAPESP. La ricerca stessa è stata sostenuta da FAPESP attraverso un progetto tematico, dal Consiglio nazionale brasiliano per lo sviluppo scientifico e tecnologico (CNPq) e dalla fondazione danese di ricerca dell’Università di Aarhus.
Il coordinatore del progetto tematico FAPESP Francisco Silveira Guimarães, che è anche professore all’Università di San Paolo, Ribeirão Preto Medical School (FMRP-USP), sottolinea che il cannabidiolo non produce né dipendenza né effetti psicotropi, nonostante sia estratto dalla pianta di marijuana. “Il principale componente psicoattivo della marijuana è il tetraidrocannabidiolo, noto come THC: il cannabidiolo, al contrario, blocca alcuni degli effetti del THC”, ha affermato.

Metodologia

I ricercatori hanno eseguito test utilizzando ratti e topi selezionati da incroci per sviluppare sintomi di depressione. I test e l’analisi comportamentale hanno coinvolto un totale di 367 animali.
Sono stati eseguiti complessivamente cinque test. “Abbiamo sottoposto gli animali a situazioni di stress come il test di nuoto forzato”, ha detto Joca, che è anche professore aggiunto presso l’Università di Aarhus.
Prima della prova, ad alcuni animali è stata somministrata un’iniezione di cannabidiolo con dosi di 7, 10 e 30 mg / kg in soluzione salina e il resto, che era il gruppo di controllo, ha ricevuto solo soluzione salina.
Dopo 30 minuti, gli animali sono stati posti per cinque minuti in cilindri con un’altezza di 25 cm e un diametro di 17 cm, contenente 10 cm di acqua per i topi e 30 cm di acqua per i ratti.
“La profondità dell’acqua viene calcolata per costringerli a nuotare impedendo loro di toccare il fondo con i piedi o le code, imparano a galleggiare dopo aver nuotato per un breve periodo di tempo, rimangono praticamente immobili mentre galleggiano, semplicemente tenendo la testa fuori dall’acqua per evitare Questo comportamento fluttuante, quando smettono di nuotare, è classificato come immobilità “, ha affermato il ricercatore.
“Il test di nuoto forzato viene utilizzato per misurare l’effetto dei farmaci antidepressivi perché tutti gli antidepressivi noti riducono la durata dell’immobilità e quindi allungano il tempo di nuotata Una riduzione del tempo di immobilità in questo test è interpretata come un comportamento simile all’antidepressivo.”
I ricercatori hanno scoperto che il cannabidiolo ha indotto effetti antidepressivi acuti e prolungati nei topi sottoposti al test di nuoto forzato.

“Tuttavia, per assicurarsi che questo risultato non sia dovuto all’aumento del movimento causato da un effetto psicostimolante che porta gli animali a nuotare più vigorosamente, per esempio, abbiamo eseguito un test separato per controllare l’attività locomotoria”, ha spiegato Joca.
“Per fare questo abbiamo usato il test a campo aperto, che consiste nel mettere l’animale in un’arena nuova e lasciarlo esplorare liberamente il nuovo ambiente mentre viene registrata l’attività locomotoria ed esplorativa. Si dice che un farmaco abbia potenziali effetti antidepressivi riduce il tempo di immobilità e aumenta il tempo di nuotata nel test di nuoto forzato senza aumentare l’attività locomotoria nel test a campo aperto, dimostrando che gli effetti osservati nel test di nuoto forzato non sono secondari a alterazioni non specifiche dell’attività locomotoria. “

Ripristino dei circuiti neuronali

La conclusione è stata che gli effetti del trattamento con cannabidiolo sono risultati rapidi e sostenuti, persistendo fino a sette giorni dopo la somministrazione di una singola dose ad animali appartenenti a diversi modelli di depressione (tra cui un modello di stress e un modello di suscettibilità genetica).

Sette giorni dopo il trattamento, i ricercatori hanno osservato un aumento del numero di proteine ​​sinaptiche nella corteccia prefrontale, che è strettamente legata alla depressione negli esseri umani. “Alla luce di questo risultato, crediamo che il cannabidiolo innesca rapidamente meccanismi neuroplastici che aiutano a riparare i circuiti neuronali che vengono danneggiati nella depressione”, ha detto Joca.

“Quando abbiamo studiato i meccanismi coinvolti in questi effetti, abbiamo scoperto che il trattamento con il cannabidiolo induce un rapido aumento dei livelli di fattore neurotrofico derivato dal cervello, o BDNF, una neurotrofina che svolge un ruolo chiave nella sopravvivenza neuronale e nella neurogenesi, la formazione di nuovi neuroni nel cervello “, ha detto Joca. nella sinaptogenesi nella corteccia prefrontale di questi animali “. La sinaptogenesi è la formazione di sinapsi tra i neuroni nel sistema nervoso centrale. L’azione benefica del cannabidiolo non è tuttavia limitata alla corteccia prefrontale.” In uno studio separato, abbiamo dimostrato che il gli effetti del cannabidiolo coinvolgono anche i meccanismi neuroplastici nell’ippocampo, un’altra struttura coinvolta nella neurobiologia della depressione “, ha osservato il ricercatore finanziato dal FAPESP. Secondo Joca, se gli studi nell’uomo trovano anche che il cannabidiolo sia utile nel trattamento della depressione, dato che il cannabidiolo è già usati nell’uomo per trattare altre malattie o disturbi “, potrebbero portare a un importante progresso nel trattamento della depressione, potenzialmente aiutando pazienti che soffrono per settimane, fino a quando il trattamento inizia a funzionare. “Studi sugli esseri umani I ricercatori stanno attualmente studiando altri meccanismi coinvolti negli effetti del cannabidiolo, così come la sua efficacia nei modelli animali di resistenza al trattamento convenzionale. “Ad esempio, stiamo studiando se il cannabidiolo sarebbe efficace anche nei pazienti che non rispondono alla terapia convenzionale e se la combinazione con antidepressivi migliorerebbe i loro sintomi. In effetti, abbiamo appena pubblicato un altro articolo sulla rivista Progress in Neuro-Psychopharmacology and Biological Psychiatry, che dimostra che il trattamento con cannabidiolo facilita la neurotrasmissione serotoninergica nel sistema nervoso centrale e che lo combina con basse dosi di farmaci antidepressivi inibitori selettivi del reuptake della serotonina, o Gli SSRI, come la fluoxetina, inducono un significativo effetto antidepressivo, “ha detto Joca.” Quindi esiste la possibilità che la combinazione di cannabidiolo con gli SSRI possa consentire a quest’ultimo di essere usato a basse dosi, forse riducendo gli effetti collaterali negativi pur mantenendo l’effetto terapeutico di dosi. “Secondo gli autori, quindi, il cannabidiolo può non solo essere un antidepressivo ad azione più rapida rispetto ai farmaci convenzionali, ma anche migliorare la risposta a tali farmaci se assunto in combinazione con essi.” Le nostre prove suggeriscono che questi effetti si verificano inducendo alterazioni neuroplastiche in la corteccia prefrontale e ippocampo, che sono le strutture cerebrali coinvolte in th e sviluppo della depressione. Poiché il cannabidiolo è utilizzato negli esseri umani per trattare altre condizioni, riteniamo che possa essere studiato anche negli esseri umani per il trattamento della depressione nel prossimo futuro “, ha detto Joca. 
Il Contenuto non è inteso come un sostituto per consulenza, diagnosi o trattamento medico professionale; o informazioni da produttori o fornitori in relazione a prodotti o informazioni sui prodotti.

CONDIVIDI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su