7 cose che probabilmente non sapevi sul sistema ENDOCANNABINOIDE

A scuola, ti viene insegnato che ci sono 11 principali sistemi di organi nel corpo umano. Tutti questi sistemi costituiscono il corpo umano.
Ma lo sapevi di avere anche un sistema endocannabinoide (ECS)? Probabilmente no perché, a meno che tu non sia uno scienziato, un ricercatore o non lavori con la cannabis medica, è improbabile che tu ne senta parlare. 
Eppure, l’ECS è stato definito “il più importante sistema fisiologico coinvolto nello stabilire e mantenere la salute umana.”
Conosciamo l’ECS da circa 25 anni. Fu scoperto per la prima volta negli anni ’90 dal dottor L.A. Matsuda. Il Dr. Matsuda è stato il primo a descrivere la struttura e l’espressione funzionale del recettore dei cannabinoidi, CB-1. Gli scienziati stavano cercando di capire come il THC, la principale sostanza inebriante della cannabis, colpisse il corpo. Ciò che scoprirono fu una rete notevolmente complessa di recettori cannabinoidi (CBr) espressi nelle cellule del sistema nervoso centrale e periferico

Da allora sono stati identificati altri recettori cannabinoidi tra cui il recettore dei cannabinoidi di tipo 2 (CB-2), che si trova principalmente nel sistema immunitario, nell’apparato digerente (tratto gastrointestinale) e in molti degli organi principali del corpo. Ma questi recettori erano solo metà della storia. La scoperta di CB-1 e CB-2, ha spinto alla ricerca di sostanze chimiche simili al cannabinoide del corpo che interagiscono naturalmente con questi recettori appena scoperti. Perché il corpo dovrebbe produrre recettori se non ci fossero cannabinoidi presenti in natura che si legano con loro?

Il primo prodotto chimico simile ai cannabinoidi che fu scoperti fu l’Anandamide. L’anandamide agisce su entrambi i recettori CB-1 e CB-2, modulando rispettivamente il sistema nervoso centrale o periferico. L’attività nel sistema nervoso periferico consiste nel regolare le funzioni del sistema immunitario.

Che cosa fa esattamente il sistema endocannabinoide (ECS)?

Non abbiamo un quadro completo e completo di ciò che fa l’ECS, ma sappiamo che l’ECS aiuta a mettere a punto la maggior parte delle nostre funzioni fisiologiche vitali. Promuove l’omeostasi che influisce su tutto, dal sonno, l’appetito, il dolore, l’infiammazione, la memoria, l’umore e persino la riproduzione. Quindi, in termini di base, l’ECS aiuta a modulare la regolazione dell’omeostasi su tutti i principali sistemi del corpo, assicurando che tutti i sistemi funzionino di concerto l’uno con l’altro.

1. Tutti gli animali hanno un sistema endocannabinoide (ECS).
Come esseri umani, ci piace pensare a noi stessi come speciali, ma non siamo speciali per avere un ECS. Tutti i vertebrati e gli invertebrati sono noti per avere un ECS.

2. I recettori endocannabinoidi sono i recettori neuromodulatori più abbondanti nel corpo.

Si ritiene che il numero totale di recettori endocannabinoidi nell’organismo sia maggiore di tutti gli altri recettori neuromodulatori presenti nel corpo, compresi i recettori per i neurotrasmettitori serotonina e dopamina. L’anandamide da solo ha il maggior numero di recettori nel cervello ed è fondamentale per il mantenimento di un sano sistema nervoso centrale.

3. Il sistema endocannabinoide (ECS) ha avuto un ruolo in molte malattie.

L’ECS aiuta a portare l’equilibrio nel corpo. Di conseguenza, non sorprende che gli scienziati abbiano osservato cambiamenti nell’attività ECS in un certo numero di malattie. Tutto, dai disturbi neurodegenerativi all’artrite reumatoide e al cancro, ha mostrato cambiamenti nei livelli di endocannabinoidi e una maggiore espressione del recettore. Ciò suggerisce che l’ECS potrebbe essere un obiettivo efficace per ripristinare l’equilibrio nel corpo e promuovere una buona salute.

4. La sindrome da deficit clinico del sistema endocannabinoide (ECS) può essere una causa alla radice di alcune malattie.

Quando l’ECS funziona correttamente, tutti i nostri vari sistemi corporei sono mantenuti in uno stato di equilibrio dinamico, o omeostasi. Ma cosa succede quando l’ECS è disfunzionale o danneggiato? Gli scienziati hanno scoperto che alcune condizioni associate all’ipersensibilità al dolore o allo stimolo, come l’emicrania, la fibromialgia e l’IBS, l’ECS è disfunzionale. Questa ipotesi, secondo cui l’ECS può trovarsi alla radice di alcuni disturbi, è nota come ipotesi di carenza di endocannabinoidi clinici. Si ritiene che integrando il corpo con i cannabinoidi presenti in natura dalle piante, possiamo correggere questa carenza, alleviare i sintomi e ripristinare la salute.

5. Il sistema endocannabinoide (ECS) spiega perché i cannabinoidi naturali nella canapa e in altre piante hanno effetti terapeutici.
Prima della proibizione della cannabis, la canapa e la marijuana erano state usate per migliaia di anni per curare una serie di disturbi, tra cui l’epilessia, il mal di testa, l’artrite, il dolore, la depressione e la nausea. I guaritori tradizionali potrebbero non aver saputo perché la pianta è stata efficace, ma la loro esperienza ha dimostrato la sua efficacia e ha fornito le basi per una successiva ricerca scientifica. La scoperta dell’ECS ha rivelato una base biologica per gli effetti terapeutici dei cannabinoidi vegetali e ha suscitato un rinnovato interesse nella cannabis come medicina.

La ricerca ha dimostrato che piccole dosi di cannabinoidi naturali della cannabis e di altre piante aiutano a sostenere l’ECS e a migliorare i suoi processi.

6. L’esercizio fisico e la dieta possono potenziare il sistema endocannabinoide (ECS).

Gli scienziati hanno scoperto che l’esercizio aerobico prolungato aumenta i livelli di anandamide, il “buonumore” dell’endocannabinoide. Anche la dieta è un obiettivo utile. Aumentare l’assunzione di acido grasso essenziale, l’omega 3, che si trova nei pesci o in semi come il lino o la canapa, può aiutare a supportare la segnalazione del cervello endocannabinoide.

7. I medici sanno molto poco sul sistema endocannabinoide (ECS).

Parlare con il medico dell’ECS può essere frustrante, dal momento che la maggior parte dei medici non è addestrata a farlo. Tutto questo sta cominciando a cambiare, ma per ora è utile venire armati di buone informazioni sull’ECS quando si parla con il proprio medico!

Ricordiamo sempre che la cannabis terapeutica è un farmaco che va assunto sotto stretto controllo medico e di rivolgersi sempre a personale esperto.

CONDIVIDI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su