In che modo l’olio di CBD potrebbe aiutare con la respirazione?

Il CBD, cannabidiolo, è un cannabinoide che si trova naturalmente in alta concentrazione all’interno della pianta di canapa. Non produce effetti psicoattivi. Nelle dosi terapeutiche, non vi sono effetti collaterali negativi nell’uso del CBD. Il cannabidiolo funziona con un sistema fisiologico nel corpo chiamato sistema endocannabinoide (ECS). L’ECS funziona con altri sistemi nel corpo per creare l’omeostasi o l’equilibrio interno. Funzioni come l’umore, il sonno, l’infiammazione, il dolore e le risposte immunitarie sono tutte regolate dalla ECS. L’ECS utilizza i cannabinoidi come carburante mentre regola e mantiene la funzione. Ci sono due recettori nell’ECS che funzionano con questi sistemi, CB-1 e CB-2. Il CBD è particolarmente efficace poiché si lega con entrambi i recettori.
In che modo l’olio di CBD potrebbe aiutare con la respirazione?
L’apparato respiratorio è composto da naso, bocca, laringe, faringe, trachea, bronchi, polmoni e muscoli respiratori. Nei polmoni, i recettori dei cannabinoidi si trovano nelle cellule strutturali e immunitarie. Gli endocannabinoidi prodotti dall’ECS sono suddivisi in cellule del sistema immunitario respiratorio e convertiti in prostaglandine. Le prostagladine sono ormoni rilasciati nel sito di danno o infezione tissutale. Lavorano per ridurre l’infiammazione e aumentare il flusso di sangue nell’area. Gli ormoni sono anche in grado di creare coaguli di sangue nelle aree di lesione per prevenire la perdita di sangue.
L’infiammazione, come l’asma, è una risposta del sistema immunitario a infezioni o lesioni. Lavorando con il sistema immunitario, l’ECS impedisce al sistema immunitario di produrre una risposta infiammatoria così forte. Il CBD fornirà i composti chimici necessari per ridurre il gonfiore e aprire le vie aeree. Il cannabidiolo è considerato un broncodilatatore, che provoca l’allargamento dei bronchi e facilita la respirazione dell’utente. La salute delle vie respiratorie, in particolare quella che coinvolge l’infiammazione, può impedirti di fare ciò che ti piace fare, allenarti, correre, praticare sport e qualsiasi altra attività correlata.
Il CBD è un antimicrobico in grado di combattere le infezioni virali, fungine e batteriche nel corpo. Bronchiolite e bronchite sono infezioni virali dei polmoni e sono contagiose. Il CBD può supportare il sistema immunitario, promuovendo la guarigione e creando una barriera alla reinfezione. Le infezioni che colpiscono il naso, la bocca e la gola potrebbero avere risultati con l’utilizzo del CBD. Servendo da espettorante, il CBD aiuta nella congestione allentando e liberandosi del muco.
Ricordiamo sempre che la cannabis terapeutica è un farmaco che va assunto sotto stretto controllo medico e di rivolgersi sempre a personale esperto.

CONDIVIDI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su