Sindrome delle gambe senza riposo (RLS)

Sindrome delle gambe senza riposo (RLS) è una condizione che colpisce il sistema nervoso che provoca un desiderio insaziabile di muovere le gambe. La sindrome delle gambe senza riposo interferisce anche con il sonno; quindi è anche classificato come disturbo del sonno.

Gli individui con la sindrome delle gambe senza riposo soffrono di una sensazione di disagio alle gambe, solitamente caratterizzata da spilli e aghi, prurito e sensazioni striscianti che a volte possono diffondersi alle braccia o in altre parti del corpo. L’unico modo in cui possono alleviare la sensazione è muovere le gambe. I sintomi tendono a peggiorare di notte, specialmente quando si è a riposo – sdraiati o seduti. La sindrome delle gambe senza riposo può essere lieve o grave e in alcuni casi completamente intollerabile. L’interruzione del sonno causata da questa condizione può spesso essere così debilitante che la qualità della vita dei pazienti è completamente compromessa.

Circa il 10% della popolazione americana soffre di sindrome delle gambe senza riposo. Colpisce entrambi i sessi anche se è più comune nelle donne e può iniziare a qualsiasi età. Ci sono alcuni fattori che possono contribuire ad aumentare il rischio di RLS; questi includono malattie croniche (diabete, insufficienza renale, morbo di Parkinson), neuropatia periferica, carenza di ferro; gravidanza, uso di alcol, privazione del sonno e farmaci.

In alcuni casi, l’identificazione di qualsiasi condizione sottostante correlata a RLS e relativa ad essa, come le carenze di vitamine o minerali, potrebbe essere sufficiente per correggere la condizione. Per gli altri che hanno casi più estremi, terapia fisica, trattamenti di auto-cura, massaggi, stimolazione elettrica prima di coricarsi, e tecniche di rilassamento anche aiutare. I farmaci approvati dalla FDA per il lavoro RLS migliorano l’attività della dopamina nel cervello o regolando i canali del calcio sui nervi per modificare l’eccitabilità dei nervi che trasportano sensazioni o dolore alla RLS. Non è raro che si sentano pazienti che sviluppano resistenza a questi farmaci o che soffrono di effetti collaterali. Ma gli studi dimostrano che l’uso della cannabis può essere estremamente utile nel ridurre la ricorrenza della sindrome delle gambe senza riposo.

Come può aiutare la cannabis

La sindrome delle gambe senza riposo è una delle aree che manca di più studi nel campo della cannabis medica, ma le prove aneddotiche online sono una dozzina. Uno degli studi più recenti getta una luce su questa area.

Uno studio del giugno 2017 (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28655453) condotto da scienziati in Francia rivela che l’uso di cannabis ha avuto successo nel fornire sollievo a sei partecipanti che soffrivano di sindrome delle gambe senza riposo. I pazienti avevano anche RLS resistente al trattamento, il che significa che non rispondevano più a farmaci convenzionali o tradizionali, inclusi agonisti della dopamina e analgesici oppioidi; entrambi agiscono sui recettori del cervello che producono dopamina che aiuta a regolare il movimento e l’umore. Alcuni dei pazienti stavano assumendo anche gabapentin e clonazepam, che sono farmaci usati per il trattamento delle convulsioni. Due partecipanti che stavano meditando con agonisti della dopamina erano inclini a binge eating, shopping compulsivo e altri effetti collaterali indesiderati dai loro farmaci. Dopo aver inalato la cannabis, tutti hanno riferito “sollievo totale dei sintomi RLS e miglioramento completo della qualità del sonno.” I ricercatori hanno concluso, “Sono necessari studi clinici robusti per testare il profilo adeguato dell’efficacia e della sicurezza dei cannabinoidi nella RLS.”

Se pensi che potresti avere RLS, è importante prima ottenere una corretta diagnosi da un professionista della salute perché questa condizione è diversa da altri tipi di disturbi del movimento. L’RLS può essere esacerbata consumando troppa caffeina e assumendo stimolanti, farmaci per l’ansia e la depressione, carenze di vitamine e minerali e sonno povero. Se la diagnosi conferma che si tratta effettivamente di RLS e non di alcun altro tipo di disturbo del movimento, puoi provare ad affrontare questi problemi e anche consumare prodotti ad alto contenuto di CBD che hanno dimostrato di avere successo per un certo numero di condizioni neuropatiche come il dolore neuropatico e convulsioni. Attraverso la visita con un medico esperto in cannabinoidi potrai poi scoprire il dosaggio più adatto a te – quello che potrebbe essere necessario, a volte occorre qualche prova per scoprire il metodo di somministrazione perfetto e la dose necessaria per iniziare a lavorare in modo efficace. Ma fondamentale è triangolare in modo efficace con il paziente, medico e farmacista per avere, anche in questo caso, la miglior terapia e la miglior efficacia.

CONDIVIDI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su