Cannabis medica e morbo di Crohn

C’è una crescente consapevolezza riguardo ai trattamenti alternativi per le malattie croniche. Molti pazienti sono alla ricerca di rimedi naturali come mezzo per integrare i loro attuali trattamenti convenzionali. Altri optano per soluzioni a base di erbe perché non rispondono alle loro prescrizioni mediche o stanno vivendo intensi effetti collaterali da loro.
Questo sembra essere particolarmente preoccupante tra i pazienti con malattia di Crohn. Molti malati stanno utilizzando la cannabis medica per la malattia di Crohn sia come trattamento primario o complementare a questa condizione cronica e debilitante.

Cos’è la malattia di Crohn?

La malattia di Crohn è una malattia cronica del tratto intestinale. I sintomi includono dolore addominale, perdita di peso, febbre, sanguinamento rettale, irritazioni della pelle e degli occhi e diarrea. La malattia di Crohn è uno dei due principali tipi di malattie infiammatorie croniche intestinali (IBD). L’altro tipo è la colite ulcerosa. La malattia di Crohn colpisce il rivestimento del tratto gastrointestinale (GI), causando forti dolori e, in rari casi, mettendo a rischio la vita.
La malattia di Crohn può causare infiammazioni in varie parti del tubo digerente dalla bocca al retto. Mentre può influenzare in modo diverso ogni paziente, ciò che più comunemente colpisce la parte del tratto GI dove l’intestino tenue si unisce al colon. L’infiammazione può essere così grave che si sviluppa all’interno degli strati più profondi dei tessuti intestinali.
La malattia di Crohn è una malattia debilitante e dolorosa che può causare complicazioni fatali in alcuni casi. È caratterizzato da periodi di riacutizzazioni e remissioni. Le riacutizzazioni sono periodi in cui l’infiammazione è massima e i sintomi sono più dolorosi. Molti pazienti raggiungono lunghi periodi di remissione dove gestiscono l’infiammazione e i sintomi. Queste fluttuazioni nell’attività della malattia possono andare e venire più volte durante la vita di un paziente.

Chi soffre di Crohn?

La malattia di Crohn si sviluppa più spesso tra i 20 ei 40 anni, sebbene anche i bambini e gli anziani possano svilupparla. La malattia colpisce ugualmente uomini e donne.

La storia della malattia di Crohn

Il periodo che circonda i primi rapporti noti della malattia di Crohn è discutibile. La malattia di Crohn ha molti sintomi generali che possono derivare da molte diverse cause possibili, quindi è difficile dire se le antiche segnalazioni di infiammazione intestinale fossero dovute alla malattia di Crohn. La storia mostra che i dottori dell’antica Grecia, tra cui Ippocrate, riferivano di diarrea cronica nei pazienti intorno al 460-370 aC. Anche se all’epoca non si parlava della malattia di Crohn, è possibile che la causa della diarrea cronica osservata nei pazienti al momento potesse essere una qualche forma di malattia infiammatoria intestinale. Antichi registri della medicina cinese mostrano anche che i guaritori usavano i tradizionali rimedi a base di erbe cinesi per trattare i vari tipi di sintomi come l’infiammazione intestinale, il dolore addominale, la diarrea e le infezioni intestinali. La colite ulcerosa, una malattia infiammatoria intestinale correlata, è stata scoperta ufficialmente prima della malattia di Crohn. La colite ulcerosa fu ufficialmente registrata e definita nel 1895. Sir Thomas fu il primo a descrivere una forma di quella che in seguito sarebbe stata conosciuta come malattia di Crohn. Nel 1915 descrisse una condizione che chiamò enterite cronica intestinale, ma morì prima che potesse continuare a definire completamente la malattia.
Nel 1932, Burrill Bernard Crohn, Gordon Oppenheimer e Leon Ginzburg furono i primi medici a scoprire e nominare ufficialmente la malattia di Crohn. Oggi, i ricercatori stanno continuando a scoprire di più sulla malattia di Crohn per trovare una cura.
Cause della malattia di Crohn

I ricercatori ancora non sanno esattamente cosa causa la malattia di Crohn. La convinzione comune era che alti livelli di stress cronico o fattori dietetici l’avessero innescata. Oggi i ricercatori ritengono che questi siano entrambi fattori aggravanti, ma non cause dirette. Invece, è probabile che una combinazione di fattori possa avere un ruolo nello sviluppo della malattia di Crohn. Questi fattori includono:

-Storia familiare: la genetica può avere un ruolo nello sviluppo della malattia di Crohn. Circa il 25% delle persone con malattia di Crohn ha un familiare con la malattia.

-Salute del sistema immunitario: i ricercatori ritengono possibile che la malattia di Crohn sia scatenata da una risposta immunitaria a un virus o ad un tipo di batterio. Invece di attaccare solo il microrganismo invasore, il sistema immunitario risponde attaccando anche le cellule intestinali sane. Questo è il motivo per cui alcune persone si riferiscono al morbo di Crohn come una condizione autoimmune, ma i ricercatori non lo hanno dimostrato in modo conclusivo.

I medici hanno identificato alcuni fattori di rischio associati allo sviluppo della malattia di Crohn. Questi fattori di rischio includono:

-Età: la maggior parte delle persone diagnostica hanno meno di 30 anni, anche se possono colpire chiunque a qualsiasi età.
-Etnia: le persone di origine ebraica hanno una probabilità da tre a sei volte maggiore di sviluppare la malattia di Crohn rispetto ad altre etnie, sebbene le persone di tutte le etnie possano sviluppare la malattia.
-Stile di vita: il fumo di sigarette, il sovrappeso, una dieta ricca di grassi saturi e la vita in un’area urbana e industrializzata possono farti avere maggiori probabilità di sviluppare il morbo di Crohn. -Climi settentrionali: le persone con una bassa esposizione al sole che vivono nei climi settentrionali sembrano essere a maggior rischio di sviluppare la malattia di Crohn.

Effetti della malattia di Crohn sul corpo

Perché la malattia di Crohn influisce direttamente sulla salute dell’apparato digerente, causando molti altri effetti sullo stile di vita tra cui fisico e mentale Salute. Esiste anche il rischio di sviluppare altre condizioni e malattie. Ecco alcuni dei possibili effetti della malattia di Crohn:
-Malnutrizione: la malnutrizione si riferisce a un’insufficiente assunzione di vitamine e sostanze nutritive essenziali nel corpo. La malnutrizione può causare molti sintomi come perdita di peso, perdita di massa muscolare e scarso appetito. Il morbo di Crohn può portare alla malnutrizione per molte ragioni tra cui la perdita di sangue nell’intestino e l’incapacità di assorbire correttamente i nutrienti a causa del fatto che il sistema digestivo si trova in uno stato costante di infiammazione. Anche i malati di Crohn sperimentano la malnutrizione perché scelgono di non mangiare in molti casi per paura di scatenare il dolore intestinale e la diarrea. Mentre non ci sono prove per indicare che gli alimenti effettivamente causano l’infiammazione della malattia di Crohn, alcune persone potrebbero presentare sintomi aggravati a causa di determinati tipi di alimenti.
-Stanchezza: circa il 75% delle persone affette da morbo di Crohn riferisce di avere un forte affaticamento, e ci sono molte ragioni per cui. Il Crohn manda il corpo in uno stato cronico di infiammazione, che il corpo usa costantemente per combattere energia. La malattia di Crohn causa anche perdite ematiche da feci in alcuni pazienti. Ciò può causare una carenza di ferro (anemia), che è noto per portare a fatica cronica.
-Depressione e ansia: depressione e ansia sono condizioni comuni da sperimentare entro l’anno successivo alla diagnosi di malattia di Crohn. Quando guardi i sintomi che affliggono i malati di Crohn, non c’è da meravigliarsi che possa portare a depressione e ansia. Malnutrizione, bassi livelli di energia e dolore cronico addominale possono influenzare la salute mentale di molti pazienti. Inoltre, la malattia di Crohn può avere un impatto sulla vita sociale di una persona. Se si trovano nel mezzo di una riacutizzazione, può causare sintomi debilitanti, che impediscono loro di uscire e godersi la vita.
-Rischio di cancro: i pazienti con morbo di Crohn sono ad aumentato rischio di sviluppare il cancro del colon-retto rispetto alla popolazione generale. I pazienti che hanno una lunga storia di malattia di Crohn per un periodo di 20 anni o più e che sono stati diagnosticati in giovane età sono particolarmente a rischio. I ricercatori stanno continuando a studiare gli strumenti di screening del cancro colorettale per aiutare a identificare i rischi in alcuni pazienti affetti da malattia di Crohn. Gli esperti consigliano che, a causa di questo aumento del rischio, i pazienti con malattia di Crohn potrebbero dover sottoporsi a screening colonscopio prima e più frequentemente rispetto alla popolazione generale. Si consiglia alla popolazione generale di sottoporsi a uno screening colonscopio ogni 10 anni dopo i 50 anni.

Sintomi della malattia di Crohn

La malattia di Crohn, sebbene sia una malattia infiammatoria intestinale, produce un’ampia varietà di sintomi. I più comuni sintomi della malattia di Crohn includono: dolore addominale e crampi febbre diarrea estrema con o senza sangue stanchezza e cronica a basso consumo di energia perdita di peso malnutrizione nausea e vomito feci grasse che galleggiano carenza di ferro (anemia) perché la malattia di Crohn è ritenuta essere causata da un autoimmune reazione, può produrre altri sintomi o condizioni di tutto il corpo, tra cui: Infezioni oculari Dolori articolari Rash cutanei Coaguli di sangue Ulcere della bocca I sintomi della malattia di Crohn possono variare da lievi a gravi. I casi gravi includono livelli estremi di perdita di peso e malnutrizione, vomito persistente e febbre cronica alta. Alcune persone possono sperimentare diversi periodi di sintomi diversi. Alcune riacutizzazioni possono causare sintomi peggiori. Il morbo di Crohn è comunemente associato ad altre condizioni come la malattia del fegato, l’artrite e l’osteoporosi.

Cannabis medica per la malattia di Crohn

La cannabis contiene oltre 600 composti diversi, molti dei quali hanno proprietà che possono essere applicate a titolo medicinale. Due dei composti noti che forniscono benefici per la salute sono il tetraidrocannabinolo (THC) e il cannabidiolo (CBD). Il THC è il composto psicoattivo presente nella cannabis responsabile dell’erogazione di effetti che hanno un effetto psicotropo. Il CBD è responsabile di altri benefici per la salute come ansia, dolore e nausea sollievo. Alcuni dei benefici per la cannabis che riguardano gli effetti e i sintomi della malattia di Crohn comprendono: Ridurre l’infiammazione attraverso proprietà anti-infiammatorie, Fornire sollievo dal dolore attraverso gli effetti analgesici, Abbassare i livelli di ansia, Sopprimere nausea e vomito, Aumentare l’appetito.
I ricercatori continuano a esaminare la connessione tra la cannabis e il trattamento della malattia di Crohn. Numerosi studi indicano che la cannabis è un modo efficace per alleviare i sintomi della malattia di Crohn. Ecco tre studi separati che hanno prodotto risultati incoraggianti per i pazienti affetti da malattia di Crohn alla ricerca di terapie alternative:
1. La cannabis allevia i sintomi della malattia di Crohn: O’Shaughnessy, una rivista scientifica, ha pubblicato uno studio del 2005, “La cannabis allevia i sintomi della malattia di Crohn”, che riportava che i pazienti vedevano miglioramenti significativi nell’uso della cannabis. Lo studio ha esaminato 12 questionari compilati dai pazienti con malattia di Crohn. Ai partecipanti è stato chiesto della loro esperienza usando la cannabis (a loro piacimento). Hanno descritto miglioramenti o modifiche ai loro segni e sintomi valutandoli su una scala da zero a dieci. Per ogni segno o sintomo valutato, i pazienti hanno descritto miglioramenti marcati nell’appetito, dolore, nausea, vomito, depressione, affaticamento e livelli di attività.
2. La cannabis come trattamento per l’infiammazione cronica del colon: Nel 2004, il Journal of Clinical Investigation ha pubblicato uno studio dal titolo “Il sistema endogeno di cannabinoidi protegge dall’infiammazione del colon” (https://www.jci.org/articles/view/19465). Ha riferito che la cannabis medica è un potente antinfiammatorio che “rappresenta un obiettivo terapeutico promettente per il trattamento delle patologie intestinali caratterizzate da eccessive risposte infiammatorie. “
3. La cannabis migliora l’attività della malattia: nel 2011, l’Israel Medical Association Journal ha pubblicato uno studio condotto presso l’ospedale Meir e la clinica Kupat Holim. Lo studio, “Trattamento della malattia di Crohn con la cannabis: uno studio osservazionale” (https://www.ima.org.il/FilesUpload/IMAJ/0/39/19985.pdf), ha esaminato 30 pazienti affetti da malattia di Crohn che hanno consumato cannabis. Tutti i pazienti hanno dichiarato di sentirsi come se consumare la cannabis diminuisse la loro attività patologica. Ventuno dei pazienti ha mostrato un miglioramento significativo nell’attività della malattia, compresa una riduzione dei sintomi e segni come una riduzione della frequenza dei movimenti intestinali. Gli autori dello studio hanno presentato diverse spiegazioni per il miglioramento, inclusi i benefici antinfiammatori dei cannabinoidi e In un altro studio condotto nel 2013 (https://www.cghjournal.org/a…/S1542-3565(13)00604-6/abstract), i soggetti che sono stati trattati con cannabis medicinale hanno scoperto che i loro sintomi di Crohn sono andati in remissione e hanno anche riportato un aumento dell’appetito rispetto ai pazienti trattati con placebo.

I ceppi di Cannabis migliori per gli studi di malattia di Crohn si sono dimostrati essere quelli di Cannabis sativa, che offre grandi benefici ai pazienti affetti da malattia di Crohn. La cannabis sativa è un ceppo di cannabis che ha un’alta concentrazione di THC. Molti stati americani hanno approvato l’uso legale della cannabis medica per la malattia di Crohn come trattamento per il trattamento del dolore. Tuttavia, al momento non c’è abbastanza ricerca per supportare un protocollo raccomandato per l’uso di cannabis. I pazienti devono usare solo cannabis medica per controllare il dolore e ridurre i sintomi, in particolare nei pazienti che non rispondono bene ad altri farmaci convenzionali. La cannabis medica è un farmaco alternativo, efficace e naturale che ha aiutato molti pazienti affetti da malattia di Crohn e che deve essere sempre prescritto da un medico e tenuto sotto stretto controllo. Se tu o qualcuno che ami soffri di malattia di Crohn e vorresti scoprire se la cannabis medica è il trattamento giusto, informati!
Aiutaci a migliorare la qualità della tua vita!

CONDIVIDI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su